Nov
08

2014

Featured Artist: Laura Trent



 

Laura Trent is an American-Italian singer-songwriter ablaze with passion. Her choruses are forceful, emotional, eye-opening; she sings with uncommon authority, and her stories have the stamp of authentic experience. At the same time, she can wrap her sinuous lower-register around a quiet verse, and draw her listeners into an intimate kind of contact. “WISH ME WELL,” published in 2009, is her debut album. It builds from a whisper to a shout, and both extremes are rendered with uncommon intensity. She’s one with a taste for cinematic arrangements. Her songs are moody, mysterious, and builds to an engrossing climax. Laura Trent’s storytelling is colorful and dramatic, too – she’s not afraid to be direct or confessional, and the temptation she faces feels palpable.

Laura Trent was born in Chicago Illinois to Italian parents, and she’s still got a strong connection to the old country. At an early age Laura soon became very musical, so even pots and pans were a source of sound for her. She would find and play anything that made a noise and created music from it. Laura attended guitar lessons as soon as she was in her teens and started songwriting for famous Italian artists as Rita Pavone, Irene Grandi, produced by Vasco Rossi and others. It was in those magical moments when she spent playing and creating her music that she clearly understood the effect it had on people. People from every walk of life, emotion, love, comfort, joy, rage, respect, sweetness and strength, was her motivation which became her inspiration.

Her lastest release  “ALL ON BOARD” was published in September 2013. “ALL ON BOARD” is an invitation for a trip. A trip we’re all talking about. A journey in a woman’s world, an artist, between follies of love, passion, inner life and real life, always keeping an eye on transgression, a taste for erotic, to dreams with enthusiasms and desire for life. It’s a repeated invitation to let go, free-falling towards a new feeling, with no holding back, no fears. Not overthinking because there is no time for not having time for a new love, a choice, a decision, or the courage to fall in love. “I’m ready” she sings in one of her songs meaning ready to let go, be transported, ready to begin a journey towards anywhere it can take her.

Laura Trent, a woman and her world translated through music. Where all may be the contrary to everything, because a woman is made of this too – contradiction, doubt, sensibility, delicacy, fear of the unknown and what will be.

*****************

Laura, your video “Emily” sends a strong message about violence against women, a topic discussed on KwaK often. What makes you feel so strongly about that topic?
I’m truly devoted to this problem and doing anything I can to help stop violence against women. I’m here to encourage women to react by asking help, denouncing violence of any kind, psychological and physical. As we already spoke, I’m actually living in Italy and unfortunately here, it’s an everyday issue, there is no protection until something serious happens, this isn’t right. We need to grow in a place where we feel secure, the community must act as an enlarged family, our friends and neighbors must be aware and protect for what ever reason against violence of any kind!

“Emily”, in fact, is the soundtrack of a theatrical project I’m working in with Luciano Garofano (Ex chief of Department of Scientific Investigations) and Giorgia Ferrero (Actress), produced by Alessandor Molinari and Giulietta Kelly called LDM “Labyrinths of evil” where drama, information and music join there forces to stop violence against women.

Do you consider yourself a “feminist?” What does that word mean to you?
It’s just a word and usually most of us do not know what it really means… but I know where I stand like many other women, we stand for our rights continuing being a wife, a mother, a manager, a house keeper, a friend, a lover and much more. We need to be understood and not misunderstood, we need to be, express our feelings, we need to learn and teach when comes the time in doing so, we need to reach out to our dreams as human beings.

This is what my album is all about “All on board” in this journey called life, touching each and every aspect of emotion. I don’t want to speak about feminists or masculist, I’m talking about something more important it’s about understanding, respect, consideration, love without falling into endless discussions a what a woman’s roles are and what a man’s role are. I’m speaking of conjunction of human beings carrying and embracing all there needs.

Is your track “wish me well”,’ based on a lost love or broken heart?
Wish me well is a request, a request to who ever really loved you to recognize the end of a relationship and be able to let you go with the same love by wishing you joy in life and to love again.

Your songs are written with so much emotion. Your art in story telling is truly a visualization of speech. What keeps you so connected to humanity? What inspires you?
I’m so connected to life’s rotation I can hear every whisper through generations, it would be a shame if It wasn’t so.
I was brought up in foreign lands speaking different languages and only one thing never changed my connection to humanity, my mother, Aloisia, gave me this connection, I grew up, my first eight years of life, in Chicago in a neighborhood called Little Italy, we were a huge family protecting one another, helping one another. I know that as time goes by many things in life change, society changes and so do neighborhoods but I try to keep in me my first years of life, as a reference point so I continue being and reacting with that same attitude glued in me while a travel around the world, heart opened, not afraid to be cheated on.  Cheating can happen and also hurting someone but it is important to recognize those mistakes and try to do our best to correct them as we grow.

The strong statement “not afraid to be direct or confessional” truly reflects a lot of the Laura I was honored to have met. Lets get “confessional.” Share…Let us and your fans into a deep part of you.
You are welcomed aboard! 
I live a normal life with every days good and bad, it’s experiences, I’m not afraid to admit who I am, a half century aged person ready to fly again after every fall, I’ve learned the beauty of saying I’m sorry when I’m wrong and I cry after I get hurt or hurt someone but most important I’m ready to forgive and hope to be forgiven.

Other than being born into an Italian family, how’d you develop such a huge fan base in Italy?
At a very young age I started composing music, when my parents brought me to Italy, it was very hard for me, I couldn’t comunicate cause I didn’t know the language so I started writing songs, one after an other and one day I partecipated to a singing contest and met Rita Pavone, a famous Italian singer who reached the US top charts too in the late sixties, she also has been a guest at the Ed Sullivan show and more. Well, to make a long story long :-) I started writing songs for her and after her for other famous Italian singers.

I’m not only a fan of your work, but I’m a huge fan of you! Your kind yet warrior spirit and energy truly vibrates. Thank you for sharing it ALL with us today sister!
My dear Karla with a K,  I enjoyed so much our time together, that day in the pool on the roof of Miami, not even knowing eachother, speaking so openly for hours about everything was a gift. Thank you for all, sister!

Learn more about Laura Trent on her website: www.lauratrent.com

https://twitter.com/laura_trent

https://www.facebook.com/pages/Laura-Trent/462159317192158?ref=hl

Check out her videos:

Wish me well

Shame on you

Let it rain

Emily

Madman

___________________

Laura Trent è una cantautotrice Italo-Americana colma di passione. I suoi cori sono forti, emotivi, rivelatrici; Canta con autorità non comuni, e le sue storie hanno il timbro di autentica esperienza. Contemporaneamente, ci avvolge con i suo timbri bassi e sinuoso ed avvolgenti guidando così i suoi ascoltatori in un’intimo contatto.”WISH ME WELL”, pubblicato nel 2009, è il suo album di debutto, costruito da un sussurro a ungrido, ed entrambi gli estremi sono resi con rara intensità.

Laura Trent ha un gusto per arrangiamenti cinematografici. Le sue canzoni sono lunatici, misterioso che guidano ad un apice avvincente . La narrazione nei suoi testi sono colorati e drammatici, non ha paura di essere diretta o confessionale, e le esperienze che affronta sono palpabile. Laura Trent è nata a Chicago Illinois da genitori italiani, ed ha ancora un forte legame con il vecchio paese.

In giovane età Laura divenne ben presto molto musicale, anche pentole e padelle erano una fonte di suono per lei, qualsiasi cosa che producesse un suono diventava uno strumento musicale con cui creare la sua musica. Laura ha frequentato lezioni di chitarra, permettendole ben presto di scrivere canzoni per famosi artisti Italiani come Rita Pavone, Irene Grandi prodotto da Vasco Rossi ed altri artisti ancora. Era in quei momenti magici trascorsi a giocare e creare la sua musica che ha ben compreso l’effetto che aveva sulle persone, di ogni estrazione sociale, emozioni, amore, conforto, la gioia, la rabbia, il rispetto, la dolcezza e la forza, queste motivazione divennero la sua vita. Il suo ultimo album pubblicato nel settembre 2013 dal titolo “ALL ON BOAORD” E ‘un invito ad un viaggio? Sì, si tratta di un viaggio di cui stiamo parlando, un viaggio nel mondo di una donna, un artista, Laura TRENT, tra follie d’amore, passione, vita interiore e vita reale, tenendo sempre d’occhio la trasgressione, il gusto per l’erotico e sogni descritti con entusiasmo e voglia di vivere. Il suo E’ un ripetuto invito a lasciarsi andare, in caduta libera verso un nuovo sentimento, senza resistenze, senza paure, senza pensare troppo perché non c’è tempo per non avere il tempo per un nuovo amore, una scelta, una decisione ed il coraggio di innamorarsi.

“I’m ready” canta in una delle sue canzoni, pronti a lasciarsi andare, trasportati, pronti per iniziare un viaggio verso ovunque possa portare. Laura Trent, una donna e il suo mondo tradotte in musica, dove tutto può essere il contrario di tutto, perché una donna è fatto anche di questo, la contraddizione, il dubbio, la sensibilità, la delicatezza, la paura dell’ignoto e di ciò che sarà. Momenti a tu per tu con se stessi in cui il viaggio questa volta è dentro di se, alla ricerca delle proprie risposte, la comprensione di tanta realtà, spesso da comprendere, da tollerare, sopportare nelle proprie esperienze di vita, correggendole prima che possano strappare l’anima.

Questo è il mondo di Laura Trent, in un album che spazia, scivola via, trasporta, gioisce e lacrima, accelera e frena, ride e piange. Questo mondo di Laura che in qualche modo simile al mondo di altre donne, mondi analoghi nei quali il viaggio è l’elemento di crescita del movimento della vita, tanta vita, la vita che corre, copre, sale instancabilmente montagne per ridiscenderle, guarda verso il cielo e parla attraverso le note di un album che ti colpisce dritto al cuore con la forza della sua scelta di suoni musicali. Tutto il suo mondo tra le dita, il suo All on board interamente composto e prodotto da lei stessa, perché il desiderio di espressione è così grande che la sua creatività non trovare una fine . E qui, senza presunzione, possiamo finalmente parlare di arte!

Allora! Tutti a bordo! E godetevi il viaggio!

 

*********************

Laura, il video “emily” invia un messaggio forte nei confronti della violenza contro le donne, un argomento discusso su Kwak spesso. Che cosa ti fa sentire così coinvolta a questo argomento?
Sono veramente dedicata a questo problema e farò tutto quello che posso per aiutare a fermare la violenza contro le donne, io sono qui per incoraggiare le donne a reagire chiedendo aiuto, denunciando la violenza di ogni genere, psicologica e fisica. Come abbiamo già parlato al nostro incontro, in realtà vivo in Italia e purtroppo qui, è un problema di tutti i giorni, non vi è alcuna protezione finché non succede qualcosa di grave, questo non è giusto. Abbiamo bisogno di crescere in un luogo in cui ci sentiamo sicuri, la comunità deve agire come vera una famiglia allargata, i nostri amici, vicini di casa devono essere consapevoli, attenti e proteggere  la propria sociètà dalla violenza di qualsiasi tipo!

“Emily” infatti è la colonna sonora di un progetto teatrale a cui sto lavorando con Luciano Garofano (ex generale del Dipartimento di Investigazioni Scientifiche) e Giorgia Ferrero (Attrice), prodotto da Alessandor Molinari e Giulietta Kelly chiamato LDM “Labirinti del male”, dove dramma, informazioni e musica si uniscono, l’unione delle forze per sensibilizzare le persone con l’intento di aiutare a dare un fine alla violenza contro le donne.

Ti consideri un “femminista?” Che cosa significa quella parola per te?
E ‘solo una parola e di solito la maggior parte di noi non sanno che cosa significhi veramente … ma so che cosa voglio, come molte altre donne, sosteniamo i nostri diritti continuando ad essere mogli, madri, manager casalinghe, amiche, amante e molto altro ancora. Abbiamo bisogno di essere comprese e non fraintese,  abbiamo bisogno di essere, esprimere i nostri sentimenti, abbiamo bisogno di imparare e insegnare quando arriva il momento di farlo, abbiamo bisogno di realizzare i nostri sogni come esseri umani.

E’ proprio di questo che parla “All on board” in questo viaggio chiamato vita, toccando ogni aspetto  emotivo. Non voglio parlare di femministe o maschilisti, sto parlando di qualcosa di più importante, si tratta di comprensione, il rispetto, la considerazione, l’amore senza cadere in discussioni senza fine su quali debbano essere i ruoli di una donna o i ruoli di un uomo, io sto parlando di congiunzione, unione di esseri umani che comprendano ed abbracciano le esigenze reciproche.

La tua traccia “Wish me well”, ‘ è sulla base di un amore perduto o cuore spezzato?
“Wish me well”  è una richiesta, una richiesta a chi ha davvero amato e che riconosce la fine di una relazione, di essere in grado di lasciarti andare con lo stesso amore ed augurio di bene per cui si inizia un percorso di vita insieme, augurando gioia, bene e di amare ancora.

Le tue canzoni sono scritte con tanta emozione. La tua arte nel raccontare storie è davvero una visualizzazione di discorso. Che cosa ti tiene così in contatto con l’umanità? Che cosa ti ispira?
Sono così collegato alla rotazione della vita che percepisco ogni sussurro da generazione in generazione, sarebbe un vero peccato se non fosse così. Sono cresciuto in terra straniera,  parlando lingue diverse e solo una cosa non è mai cambiato, la mia connessione per l’umanità, mia madre, Aloisia, mi ha trasmesso questo valore importantissimo.

I miei primi otto anni di vita, sono cresciuta a Chicago in un quartiere chiamato Little Italy, eravamo una grande famiglia ci proteggiavamo  l’un l’altro, aiutandosi a vicenda. So che col passare del tempo molte cose nella vita cambiano, la società cambia e così anche i quartieri, ma cerco di tenere a mente i miei primi anni di vita, come punto di riferimento in modo di continuare ad essere e di reagire con lo stesso atteggiamento incollato a me sin dalla crecita, viaggio ingiro per il mondo, a cuore aperto e senza paura di essere delusa o tradita. Barare, tradire può accadere e anche fare del male ma è importante riconoscere gli errori e cercare di fare del nostro meglio per correggerli man mano che cresciamo.

La dichiarazione forte “non ha paura di essere diretta o confessionale” rispecchia in pieno Laura  che ho avuto l’onore di avere incontrato. “Confessati”. Condividi … a noi, i tuoi fan, racconta una parte profonda di te.
Siete i benvenuti a bordo!  Io vivo una vita normale con tutti i giorni eventi buoni e cattivi, si tratta di esperienze, non ho paura di ammettere quello che sono, son una donna che ha raggiunto il mezzo secolo di vita che è pronta a volare di nuovo dopo ogni caduta, ho imparato la bellezza di chieder scusa quando ho sbagliato ed ho pianto dopo aver ricevuto un torto o quando ho ferito qualcuno, ma più importante sono pronta a perdonare e spero di essere perdonato.

Oltre ad essere nata in una famiglia italiana, come hai fatto a sviluppare tutti i tuoi fans in Italia?
In età molto giovane ho iniziato a comporre musica, quando i miei genitori mi hanno portato in Italia, è stato molto difficile per me, non riuscivo a comunicare perché non sapevo la lingua così ho iniziato a scrivere canzoni, una dopo l’altra ed uno giorno ho partecipando ad un concorso di canto  dove ho incontrato Rita Pavone, una famoso cantante italiana che ha raggiunto anche la top classifica americana alla fine degli anni sessanta, lei è stata ospite nello show Ed Sullivan e altro ancora. Beh, per farla lunga:-) Ho iniziato a scrivere canzoni per lei e dopo di lei per altri cantanti famosi italiani.

Io non sono solo una fan del tuo lavoro, ma una grande fan di te! Il tuo spirito gentile ma allo stesso tempo guerriero colmo di energia vibra veramente. Grazie per aver condiviso tutto con noi oggi sorella!
Mia caro Karla con la K, Mi è piaciuto così tanto il nostro tempo insieme, quel giorno in piscina sul tetto di Miami, senza nemmeno conoscerci, parlando così apertamente per ore, tutto questo è stato un vero dono.

Grazie per tutto, sorella!



Author:

The author didnt add any Information to his profile yet